Usiamo i cookie - anche di terze parti - per consentirti un migliore utilizzo del nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

Da anni, una delle priorità a livello mondiale per la salvaguardia dell’ambiente è costituita dalla tutela della biodiversità.

La Direttiva comunitaria Habitat  92/42/CEE ha istituito la rete ecologica europea Natura 2000”, un sistema di siti caratterizzati dalla presenza di habitat e di specie animali e vegetali di rilevante importanza comunitaria (elencati negli allegati della Direttiva stessa), la cui funzione è quella di garantire la sopravvivenza a lungo termine della biodiversità presente sul continente europeo.

L'insieme di tutti i siti definisce infatti un sistema strettamente relazionato da un punto di vista ecologico e funzionale: la Rete è infatti costituita da aree ad elevata naturalità identificate dai diversi Paesi membri sulla base della loro significatività per la tutela di specie o habitat di interesse comunitario.

La Rete Natura 2000 è costituita da due differenti tipologie:

Zone a Protezione Speciale (ZPS), istituite ai sensi della Direttiva Uccelli (79/409/CEE), aventi lo scopo di tutelare in modo rigoroso i siti in cui vivono le specie ornitiche contenute nell’allegato 1 della medesima Direttiva;

Siti di Importanza Comunitaria (SIC), designati ai sensi della Direttiva Habitat al fine di contribuire in modo significativo a mantenere o a ripristinare un habitat naturale (allegato I della direttiva 92/43/CEE) o una specie (allegati II e IV della direttiva 92/43/CEE) in uno stato di conservazione soddisfacente.

In Italia la redazione degli elenchi SIC e ZPS è stata effettuata a cura delle regioni e delle province avvalendosi della consulenza di esperti e di associazioni scientifiche del settore. Tutti i piani o progetti che possano avere incidenze significative sui siti e che non siano non direttamente connessi e necessari alla loro gestione devono essere assoggettati alla procedura di valutazione di incidenza ambientale.

Al dicembre 2012 risultano censiti 2.299 siti d'interesse comunitario a livello nazionale.

In Lombardia sono stati identificati oltre 170 SIC.

La provincia di Como risulta particolarmente ricca di SIC. Ne sono stati infatti individuati ben dodici, di cui otto interamente lariani: Lago del Segrino, Spina Verde, Lago di Piano, Palude di Albate, Lago di Montorfano, Lago di Alserio, Fontana del Guercio, Valle del Dosso. Gli altri quattro sono la Pineta pedemontana di Appiano Gentile (compresa tra provincia di Como e provincia di Varese), Sasso Malascarpa (province di Como e di Lecco), Lago di Pusiano (province di Como e di Lecco) e Lago di Mezzola - Pian di Spagna (province di Como e di Sondrio). A loro volta, Lago di Alserio e Lago di Pusiano sono inclusi nel perimetro del Parco Regionale Valle del Lambro.